Evasore fiscale scoperto grazie a Google Earth

luglio 14th, 2009

google-earth
Per scoprire un evasore fiscale con 7 milioni di reddito non dichiarato, la Guardia di Finanza ha usato anche Google Earth.

La società dell’imprenditore si occupava, fra le tante attività, della gestione di una villa in Sardegna, la cui vendita era stata registrata per un valore di 280mila euro.

Ma la Guardia di Finanza ha scoperto che l’immagine satellitare si sovrapponeva a quella della mappa catastale di una zona dove i valori degli immobili sono altissimi, e con altri accertamenti è stato possibile scoprire la maxi evasione.

Grazie Google!

Fonte: Ansa
Originale: Evasore fiscale scoperto grazie a Google Earth

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Google Chrome OS e Linux Gnome 3

luglio 14th, 2009

googledoor
Google ha finalmente dichiarato l’intenzione di realizzare un proprio sistema operativo, anche se nel settore se ne parlava da moltissimi mesi.

Il nuovo sistema operativo, chiamato Google Chrome OS, sarà interamente open source e basato sul kernel Linux. Il sistema dovrebbe essere dotato di un’interfaccia grafica completamente ridisegnata e l’intero sistema di applicazioni dovrebbe essere basato su Web Application.

Inizialmente verrà rilasciato soprattutto per netbook (anche se ovviamente sarà possibile installarlosu altre tipologie di elaboratori basati su CPU Intel e compatibili) e quindi essere estremamente leggero e veloce.

Google ha dichiarato che entro la fine del 2009 sarà rilasciato il codice sorgente e che la comunità open source potrà contribuire al progetto.

Molto interessante!

Mentre lo aspettiamo possiamo goderci uno dei migliori concept per il nuovo Windows Manager da implementare nel futuro Gnome 3 per Linux.


Speriamo che non rimanga solo un’idea!!!!

Originale: Google Chrome OS e Linux Gnome 3

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Capi di stato

luglio 10th, 2009

capi-di-stato
Rappresentanti di stati differenti.
Notate qualche differenza?

;)

Originale: Capi di stato.

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

SheevaPlug, un PC così piccolo… da dimenticarsene.

giugno 25th, 2009

Marvell-SheevaPlug
La californiana Marvell® Technology Group ha presentato una nuova serie di micro computer denominati SheevaPlug. Dalle dimensioni estremamente contenute, questi PC offrono prestazioni più che soddisfacenti: la CPU Sheeva è basata su core ARM e funziona a 1,2 GHz con una cache L1 di 32 KB e una cache L2 di 256 KB; i supporti di memorizzazione prevedono un banco di RAM da 512 MB DDR2 e una memoria flash da 512 MB; la connettività è garantita da USB 2.0, mini USB, Gigabit Ethernet e SDIO.

Anche se ormai dovremmo essere abituati ad una miniaturizzazione sempre più spinta, questo piccolissimo PC non riesce a non destare stupore. Soprattutto analizzando il micro-case completo di alimentatore, da inserire direttamente nella presa dell’alimentazione. Ovviamente anche il consumo energetico è ridottissimo: il picco massimo può essere di 5 W.

Marvell-SheevaPlug-Ports
Lo ShevaPlug non si collega a un monitor e va gestito e configurato attraverso il browser web di un altro computer. Essendo dotato di una porta USB 2.0 è possibile collegare un disco di rete, una stampante, una semplice chiave USB e abilitarne la condivisione con tutti i computer della propria rete locale, limitare l’accesso solamente ad alcuni di questi o abilitare un tunnel verso l’esterno per accedere ai vostri file anche da un qualsiasi angolo del mondo grazie a una connessione Internet.

Il sistema viene fornito con un sistema operativo customizzato basato su Linux, contenente anche un kit di sviluppo con tutti gli strumenti utili a creare applicazioni specifiche per questa piattaforma

Le applicazioni per questo tipo di prodotto possono essere molteplici: sistema home server, print server, customized web server, e pre tutte quelle attività in cui è necessario avere un sistema a bassissimo consumo, sempre acceso, e magari di ingombri molto limitati.

Sheeva_Plug_Installation_Diagram
“Il plug computer è una delle tecnologie più incredibili che siano apparse sul mercato nell’ultimo decennio; ha il giusto potenziale per cambiare il mondo”, afferma Rob Enderle, Presidente e Analista principale dell’Enderle Group. “La piattaforma aperta plug consente agli sviluppatori europei di creare tante applicazioni, servizi e soluzioni quante ne possono immaginare”.

Per ora SheevaPlug è disponibile solo per il mercato nordamericano ad un costo di circa 99 dollari, ma Marvel sembra aver già preso accordi per la sua commercializzazione in Europa con Buffalo, D-Link, Lacie e Seagate.

Originale: SheevaPlug, un PC così piccolo… da dimenticarsene.

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Kodak: addio al rullino

giugno 24th, 2009

kodak-rullino1
La Kodak ha deciso di dire addio alla vecchia pellicola fotografica: entro fine anno ritirerà dal commercio i rullini Kodachrome, concludendo così il ciclo di vita di una vera icona della fotografia.

Le pellicole Kodachrome, prodotta dal 1935, è stata utilizzata oltre che nei rullini delle normali macchine fotografiche in molti contesti professionali (ad esempio per l’industria cinematografica).
Il rullino, secondo Kodak, diventerà un ricordo perchè “ormai nessuno la vuole più″!
Sempre secondo Kodak “la macchina digitale è il presente e il futuro. La pellicola è ormai un oggetto di archeologia industriale”.

In un comunicato ufficiale viene spiegato che “negli ultimi anni le vendite si sono ridotte in modo significativo, i fotografi prediligono la fotografia digitale e le vendite della pellicola rappresentano ormai meno dell’1% del fatturato del gruppo”.

L’abitudine di avere immeditamente disponibile l’immagine scattata e l’esigenza di gestire in modo elettronico l’immagine (gestirla con il PC, pubblicarla o condividerla) hanno decretato la fine della vecchia tecnologia. “Non c’è più tempo per le fotografie di una volta” ha commentato il famoso fotografo Steve McCurry che farà alcune foto con uno degli ultimi rullini disponibili da donare al George Eastman House International Museum of Photography and Film di Rochester. Ed è proprio a questo museo, contenente la collezione più grande al mondo di fotocamere e artefatti correlati, che Kodak donerà gli ultimi rullini disponibili.

Kodak ha anche allestito una mostra virtuale visitabile a questo indirizzo.
Secondo le stime di vendita attuali le scorte di pellicola attualmente in magazzino termineranno questo autunno.

Peccato: un altro pezzo del nostro passato destinato a diventare solo più un ricordo.

Originale: Kodak: addio al rullino

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Microsoft: Windows XP con noi fino al 2011!

giugno 20th, 2009

Windows XP e Seven
Microsoft ha annunciato di allontanare nuovamente la data del pensionamento di Windows XP. Dopo nove anni di vita rimane il sistema operativo più richiesto dagli utenti.

Microsoft aveva pianificato da tempo la fine del supporto a Windows XP, ma già più volte aveva dovuto spostare in avanti la data, soprattutto in seguito al grande successo dei netbook.
Molti utenti infatti continuano a richiedere la disponibilità di Windows XP sui nuovi calcolatori, soprattutto per evitare di dover adottare Windows Vista.

Per l’uscita di Windows Seven (in versione Ultimate) è stata confermata la possibilità di effettuare il downgrade a Windows Xp Professional entro i 18 mesi successivi la disponibilità del nuovo sistema operativo (che dovrebbe essere commercializzato il prossimo 22 ottobre), oppure fino alla data di disponibilità di un nuovo service pack. Quindi gli OEM potranno continuare a vendere computer già “declassati”, cioè con licenze Windows 7 ma installazioni XP (probabilmente solo per il mercato professionale, viste le caratteristiche di licenza necessarie).

In pratica, anche se non sarà possibile acquistare una licenza di Windows XP, Microsoft metterà a disposizione questo OS fino all’aprile del 2011. Questo periodo dovrebbe fornire alle aziende che non hanno ancora effettuato il passaggio a Vista, il tempo per organizzare la transizione da Windows XP a Windows Seven.

Insomma nonostante le critiche positive finquì conquistate da Windows Seven, è ancora da vedere se il nuovo sistema operativo riuscirà a farci dimenticare XP!

Originale: Microsoft: Windows XP con noi fino al 2011!

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Microsoft: SuperPreview disponibile per tutti

giugno 19th, 2009

Microsoft SuperPreview
Annunciato l’altro ieri al Remix 2009 di Milano, SuperPreview è un nuovo tools che permette di analizzare la rappresentazione grafica di una pagina HTML con differenti Browser.

Il prodotto verrà rilasciato questa estate come parte di Expression Web 3, ma è già possibile scaricare una prima versione beta con attivo il supporto di Internet Explorer 6,7,8. In pratica questa prima versione permette di visualizzare la pagina sfruttando il motore di rendering delle tre versioni del browser Microsoft contemporaneamente e sulla stessa macchina. La versione definitiva includerà il supporto anche per altri browser: da subito Firefox e Chrome, in seguito Safari, Opera ed altri.

Questo strumento, già di per se molto utile per gli sviluppatori web, permetterà anche di sovrapporre visualizzazioni differenti, controllare la rappresentazione a differenti risoluzioni e visualizzare la rappresentazione DOM dei differenti browser.

Per scaricare la versione gratuita di Expression Web SuperPreview for Internet Explorer (250 MB) potete usare questo link: Download Expression Web SuperPreview for Internet Explorer.

Originale: Microsoft: SuperPreview disponibile per tutti.

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

FIAT: ecco la nuova Bravo, con ruota di scorta e antivirus.

giugno 18th, 2009

FIAT Bravo
Fiat e Microsoft hanno stretto un accordo per la commercializzazione di un modello di Bravo con marchio Microsoft MSN, dotata di un dispositivo (Instant Nav) con funzionalità integrate di navigatore satellitare, radio, lettore CD e MP3, lettore di SD Card e USB Flash.

Bravo MSN Edition, questo il nome del nuovo modello, sarà disponibile nei colori rosso Maranello, blu Maserati e grigio Tempesta, e sarà riconoscibile grazie al logo MSN collocato sui montanti posteriori della vettura.

E non è finita: se si acquista anche il nuovo cellulare Sony Ericson K770i Cyber-shot™ì Bravo MSN Limited Edition sarà possibile aprire la vettura dall’icona di accesso diretto MSN Mobile.

Originale: FIAT: ecco la nuova Bravo, con ruota di scorta e antivirus.

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Microsoft: Milano Remix 2009

giugno 17th, 2009

Remix 2009
Sono appena tornato dall’evento Microsoft Remix 2009, un po’ frastornato, incuriosito e stupito.

Lo slogan di questa giornata dedicata a web developer e web designer era “Il Web del futuro nasce da qui”: beh, non so’ se il web del futuro sarà proprio come Microsoft vorrebbe, ma devo dire che hanno dato l’impressione di essere molto determinati.

I pilastri su cui si basa l’idea di Microsoft sono: Internet Explorer 8, migliorato ed arrichito di funzionalità e potenzialità, Rich Internet Application (RIA) e la User Experience. Il tutto amalgamato dai software Microsoft: Expression 3, Silverlight, Visual Studio .Net ed il linguaggio XAML.

Durante questa giornata di seminari e sessioni tecniche, davanti a oltre 600 operatori, gli evangelist di Microsoft non si sono sottratti al confronto diretto con i competitor, soprattutto nell’analisi del nuovo IE8, confrontandolo direttamente con Firefox, Chrome e Safari.

Anzi: per la prima volta un nuovo prodotto di Microsoft (SuperPreview) renderà direttamente disponibile il motore di rendering di Mozilla Firefox per la valutazione della resa grafica dei siti. Qualcosa sta cambiando!

Originale: Microsoft: Milano Remix 2009

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks

Italiani: TV, Web e carta stampata

giugno 16th, 2009

Televisione
Le abitudini degli Italiani relativamente all’informazione sembrano essere molto conservatrici: da alcuni studi effettuati recentemente risulta che la fonte informativa preferita continua ad essere la TV.

Secondo uno studio effettuato da Nexplora/Microsoft, risulta che la televisione (47%) continua ad essere il media di riferimento, seguito dal web (20%) e per ultima dalla carta stampata (17%).

Secondo il rapporto Censis lo scenario sembra ancora più estremo. L’analisi si è concentrata soprattutto sul comportamento degli elettori, analizzando le fonti informative: il 69,3% ha ammesso di aggiornarsi tramite i telegiornali, il 30,6% dai talk show politici, il 25,4% dalla carta stampata, e solo il 2,3% dal web.
Da precisare che i risultati sono ancora più marcati analizzandoli i ceti sociali: la fonte televisiva è scelta dal 74% delle casalinghe, dal 78% dei pensionati e dal 76% degli intervistati con livello d’istruzione più basso.

Originale: Italiani: TV, Web e carta stampata

Condividi con:
  • Print this article!
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • BarraPunto
  • Digg
  • E-mail this story to a friend!
  • LinkedIn
  • MySpace
  • Turn this article into a PDF!
  • Slashdot
  • Twitter
  • Yahoo! Bookmarks