Posts Tagged ‘Privacy’

Facebook: le foto cancellate dagli utenti rimangono sui server

23 maggio 2009

Facebook e le immagini fantasma
Per Facebook le fotografie sono per sempre, come i diamanti. Secondo i ricercatori del laboratorio Security Group dell’Università di Cambridge (Gran Bretagna), le fotografie caricate dagli utenti rimangono sui server del famoso social network anche a distanza di trenta giorni dalla loro cancellazione. Tale fenomeno non interessa unicamente Facebook e coinvolge un ampio numero di social network che consentono agli utenti di condividere le loro foto online.

Per realizzare il loro esperimento, i ricercatori hanno caricato una immagine…
(continua a leggere l’articolo originale)

Fonte: WebNews

Big Brother Awards: L’on.Carlucci e Facebook sono le maggiori minacce per la privacy dei cittadini

22 maggio 2009

BBA
La giuria del Progetto Winston Smith ha pubblicato la classifica dei vincitori del Big Brother Awards Italia 2009.

Il Progetto Winston Smith è un organizzazione senza fini di lucro per la difesa dei diritti civili in rete. Nasce nel 1999 come associazione anonima, ed è caratterizzato dalla mancanza di un’identità di riferimento fisica.
All’interno del progetto, fra le tante attività ed iniziative, ha avuto successo l’iniziativa Big Brother Awards, il cui slogan è watching the watchman worldwide, che raccoglie informazioni, gestisce le votazioni e premia le realtà che peggio si sono comportate nei confronti dei diritti umani.

Targa BBA
I primo posti dell’edizione 2009 vanno a Facebook ed a Gabriella Carlucci: Facebook, già assegnatario del premio “Lamento del popolo”, vince il premio per la “Tecnologia più invasiva” e per la “Peggiore azienda privata”.
Anche Gabriella Carlucci si aggiudica due premi (non era mai successo ad un singolo individuo): “Minaccia da una vita” e “Bocca a stivale”.

Originale: Big Brother Awards: L’on.Carlucci e Facebook sono le maggiori minacce per la privacy dei cittadini
Fonte: Punto Informatico

Facebook: account e privacy!

6 maggio 2009

Facebook: account e privacy!
“Qui il problema che abbiamo di fronte è quello dei diritti degli utenti di Facebook e delle regole della piattaforma, che non possono andare contro i principi che regolano lo stato italiano, oltre ad essere contrari ad ogni buon senso. Del resto queste grandi aziende sono molto “ragionevoli” quando sbarcano in paesi come la Cina: dicono che le leggi locali vanno rispettate. Quelle di un paese democratico possono essere ignorate?”
(Vittorio Zambardino – La Repubblica)

Per avere informazioni su cosa è capitato al suo account (e ad altri) vi consiglio di leggere questo articolo.

E per avere un ulteriore dettaglio sulla vostra privacy c’è anche questo articolo.